L'apparato tegumentario

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2 (2)
Download:170
Data:22.01.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apparato-tegumentario_1.zip (Dimensione: 4.54 Kb)
trucheck.it_l-apparato-tegumentario.doc     22.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

APPARATO TEGUMENTARIO
Funzioni: 1. PROTEZIONE
Difendere l’organismo dagli urti meccanici, dai microbi, dalla luce eccessiva, dalla disidratazione
2. TERMOREGOLATRICE
Mantenere la temperatura costante degli organismi omeotermi (temp.interna corpo umano 37°C)
Facilita la dispersione del calore se la temperatura si alza (sudorazione), agisce da isolante (tessuto adiposo,peli).
Molto importanti sono anche i brividi, contrazioni muscolari involontarie. il muscolo, contraendosi produce energia, che si trasforma per una parte in lavoro, per l’altra in calore.
3. ESCRETORIA
Eliminazione sostanze di rifiuto (urea e acido urico )per mezzo della sudorazione, delle urine, delle lacrime
4. SENSORIALE
Raccogliere gli stimoli esterni per mezzo delle terminazioni nervose, che li trasmettono poi al sistema nervoso centrale
5. RESPIRATORIA
Scambi gassosi

La pelle è pluristratificata, costituita da 7 strati
Si divide in: Epidermide e Derma
EPIDERMIDE:
parte superficiale della pelle, le cui cellule sono disposte in più strati con funzioni diverse.
La parte più profonda (STRATO GERMINATIVO ) è formata ad cellule che si moltiplicano continuamente per mitosi, trasformandosi in cellule via via più ricche di cheratina,sostanza albuminoidea. C’è poi lo STRATO GRANULOSO, composto da due tre file di cellule molto allungate e parallele alla superficie, il sottile STRATO LUCIDO, che contiene cellule appiattite, e il doppio STRATO CORNEO, costituito da cellule il cui citoplasma è un ammasso di cheratina, che fa diventare queste cellule scagliette che si desquamano continuamente. All’interno dell’epidermide ci sono delle cellule, i “melanociti, e pigmenti “cloroblasti”, che contengono la MELANINA, sostanza responsabile della colorazione della pelle. Suddividendosi in due tipi, a grana piccola e grande, fa da filtro ai raggi ultravioletti, dilatandosi al sole.
DERMA
Nella superficie di contatto con l’epidermide, si solleva in numerose papille, venendo a formare lo STRATO PAPILLARE, mentre, nella zona più profonda resta più omogeneo e forma lo STRATO RETICOLARE. Nel derma si trovano: i follicoli peliferi, i muscoli erettori dei peli e le ghiandole.queste ultime sono di due tipi: “esocrine”, che riversano il loro prodotto all’esterno, ed “endocrine”, che riversano il loro prodotto nel torrente sanguigno.
Le ghiandole esocrine possono essere di due tipi:
- sebacee producono sebo
- suporiparee producono il sudore
PELO
Annesso cutaneo, filiforme.risulta costituito da uno stelo, libero e lubrificato dal prodotto di secrezioni della ghiandola sebacea connessa al peloe da una radice che termina con un rigonfiamento, bulbo, impiantato nel derma. Nella radice stessa si inserisce il muscolo piloerettore, responsabile del raddrizzamento dello stesso in caso di emozioni violente o per il freddo.
Intima struttura del pelo: è costituito da tre strati concentrici:
la cuticola, la sostanza corticale, il midollo.
Il pelo svolge anche un’importante funzione termoregolatrice.
Dotato infatti di fascetti uscolari,fa si che aumenti il cuscinetto d’aria formato dalla pelle e dal pelo, che il pelo stesso riesce a trattenere.
Tra lo strato profondo del derma il rivestimento dei vari muscoli superficiali dello scheletro, si trova il SOTTOCUTANEO.
Può essere suddiviso in due strati, dei quali, uno superficiale ipoderma, ed uno profondo.

Esempio