L' Esperimento di Miller

Materie:Riassunto
Categoria:Biologia

Voto:

2.5 (2)
Download:236
Data:23.11.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
esperimento-miller_1.zip (Dimensione: 5.18 Kb)
trucheck.it_l-esperimento-di-miller.doc     28.5 Kb
readme.txt     59 Bytes


Testo

Esperimento di Stanley Miller (1953)
• Fatto il vuoto nell’apparecchiatura, nel pallone grande si introduce una miscela di METANO, AMMONIACA, IDROGENO;
• L’acqua del pallone piccolo viene portata all’ebollizione ed il vapore acqueo viene spinto verso l’alto;
• La miscela di gas presente nel pallone grande simula l’atmosfera primitiva, nella quale viene fatta passare una scarica elettrica per una settimana;
• Il vapore acqueo trascina con sé i prodotti della reazione, che subiscono un raffreddamento;
• I composti che si sono formati si raccolgono nel tubo ad U, che può essere paragonato ad un oceano primordiale.
Ciclo riproduttivo dei Virus Batteriofagi
Ogni virus ha bisogno di una determinata cellula per potersi riprodurre.
Ciò può avvenire in due modi:
• Ciclo Litico
• Ciclo Lisogenico
Ciclo Litico: Il virus si attacca alla cellula batterica; inietta il DNA virale, mentre il capside è esterno. Il virus si moltiplica utilizzando i meccanismi di riproduzione del batterio infettato, portando questo alla morte, poiché esplode permettendo così ai virus appena moltiplicati di liberarsi ed infettare altri batteri.
Ciclo Lisogenico: (avviene spesso nelle cellule batteriche, ma anche nell’uomo) Il virus si attacca alla cellula batterica; inietta il DNA virale, il quale non riesce a prendere il pieno controllo, ma si integra con il DNA batterico. Il batterio infettato riproduce il suo DNA e quello virale, che è cioè latente. Può accadere che da questo ciclo si passi a quello litico, ovvero il DNA virale prenderà il sopravvento su quello batterico.
Regno delle Monere
I batteri sono ovunque, ma non sono tutti nocivi per l’uomo (vedi flora batterica).
Ad esempio, se la flora batterica viene danneggiata da antibiotici si somministrano al corpo fermenti lattici, che sono poi batteri. Anche nello yogurt sono presenti batteri non nocivi per l’uomo.
Esistono inoltre batteri SAPROFITI, che vivono nei materiali in decomposizione. I batteri sono l’ultimo anello della catena alimentare.
Vi sono anche batteri parassiti.
Esternamente presentano una parete cellulare, formata da acido MURANICO, che fornisce resistenza alla cellula batterica.
In condizioni favorevoli diventano ENDOSPORE, molto resistenti a tutte le condizioni. Quando le condizioni sono nuovamente favorevoli, la spora diventa un batterio.
La spora si forma per ADDENSAMENTO e DISIDRATAZIONE del citoplasma (formato da circa 70% d’acqua).
Nello stadio latente il citoplasma si disidrata e può sopravvivere per anni in condizioni sfavorevoli.
Quando la spora è matura si libera da tutti gli elementi della cellula. Questo NON è un ciclo riproduttivo.
I batteri possono essere:
• SFERICI (cocchi)
DIPLOCOCCHI e NEISSERIE se si uniscono a coppie:
Neisseria Meningitis – Portatrice di meningite
Neisseria Gonorrea – Infiammazione dell’apparato UROGENITALE maschile e femminile, dovuto a rapporti sessuali con persone infette.
STREPTOCOCCHI se si uniscono a catena.
STAFILOCOCCHI se si uniscono a grappolo d’uva.
• A BASTONCINO (bacilli)
Clostridium Letami
Clostridium Botulino
• A VIRGOLA
Vibrione Colere o Coma – Colera, che si contrae mangiando frutti di mare contenenti il batterio
• A SPIRALE (spirilli)
Treponema Pallidum – Sifilide, che si contrae con rapporti sessuali non protetti con persone infette.
Il bacillo è ad alta INVASIVITA’, non si localizza cioè solo alle vie genitali, ma sale fino alle vie orali. Il contagio via orale è raro, ma vi è stato un periodo storico in cui infettava attraverso i soffiatori di vetro, che si scambiavano il tubo.
Regno dei Protesti
I protesti sono organismi unicellulari con caratteristiche intermedie.
Sono organizzati in due phylum: protozoi (protesti di tipo animale) e alghe cellulari (protesti di tipo vegetale)
Phylum Alghe Unicellulari:
• PHYLUM DIATOMEE o CRISOFITE
• PHYLUM DINOFLAGELLATI
• PHYLUM CLOROFITE UNICELLULARI
• PHYLUM EUGLENOFITE

Esempio



  



Come usare