Il fascino della gola del furlo

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2.5 (2)
Download:152
Data:22.11.2001
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
fascino-gola-furlo_1.zip (Dimensione: 3.36 Kb)
trucheck.it_il-fascino-della-gola-del-furlo.doc     13.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

IL FASCINO DELLA GOLA DEL FURLO
Nella penombra e nel silenzio che regna in una biblioteca si puт sentire il desiderio di rileggere vecchi testi e trovarvi rime sempre nuove, cosм prendendo tra le mani la Letteratura Italiana di Francesco Flora, nel volume trentuno a pagina ottocentotredici si puт leggere quella che per un certo verso и la piщ alta canzone di Torquato Tasso:
O del grand'Appennino
Figlio picciolo sм ma glorioso,
e di nome piщ chiaro assai che d'onde,
fugace peregrino
a queste tue cortesi amiche sponde
per sicurezza vengo e per riposo.
L'alta Quercia che tu bagni e feconde
Con dolcissimi umori, ond'ella spiega
I rami sм ch'i monti e i mari ingombra,
mi ricopra con l'ombra.
Il poeta si fermт a Fermignano nel millecinquecentosettantotto, e precisamente all'isola, antica villa gentilizia circondata dal Metauro e qui iniziт a comporre quest'ode cosм poco conosciuta che decanta le lodi di un fiume considerato: "il piщ celebre tra i fiumi d'Italia dopo il Tevere ed il Po", trascrivendo quello che ci dice di lui Vincenzo Lanciarini.
Tanta storia и legata a queste rive e proprio da questo gli deriva cosм tanta fama, fin dai tempi dell'antica Roma quando vi fu combattuta e vinta la grande battaglia contro Asdrubale cartaginese, e proprio riferendosi a questo fatto il grande poeta Orazio lo citт in una sua ode:
Quid debeas o Roma Neronibus
Testi Metaurum flumen et Asdrubal
Devictus…
Che cosa dovresti, o Roma, alla gente dei Neroni (и stato infatti Claudio Nerone a sconfiggere Asdrubale nel 207 a.C) di piщ che ll fiume Metauro come testimone ed Asdrubale sconfitto…
Famoso anche per la morte incontrata presso le sue acque, dall'esarca Eleuterio, ucciso dal suo stesso esercito, mentre cercava, a danno di Eraclio, di diventare re d'Italia, correva l'anno seicentodiciassette.
Molti scrissero di lui e ci fu anche chi lo confuse con il suo piщ grande affluente: il Candigliano, infatti и quest'ultimo che scorre fra le montagne del Furlo o come anticamente era chiamato: Forulum.
Primo a confondersi fu il poeta Claudiano che cosм cantт:
Despiciturque vagus praerupta in valle Metaurus
Qua mons arte patens vivo se perforat arcu
Admistitque viam sectae per viscera rupis.
"Ed и visto dall'alto il Metauro sporgersi nella valle scoscesa, dove la montagna si apre, in profonditа in un arco naturale (piщ letterale: dove la montagna, strettamente aperta, si trafigge con un arco naturale) ed ha lasciato libero il passaggio attraverso le viscere della roccia tagliata."
Evidentemente era un vizio perchй si confuse anche il cardinale Adriano quando vi passт nel millecinquecentosei con il papa Giulio secondo e cosм scrisse:
Hinc ad aquas lanias pervenimus, unde Metaurus
Diffusus Gauno Foruli spectacula praebet.
"Di qui giungemmo alle acque sacrificatrici, da cui il Metauro, esteso tra le montagne del Furlo, offre spettacolo."
Oggi l'orrido della gola del Furlo ha un fascino unico, vi transita la via Flaminia incisa nei calcari liassici del monte Pietralata e del monte Paganuccio, contenenti fossili di tipo pilagico, ammoniti, belemniti e rettili marini: и un luogo che giа conobbe il mare ed in questi monti ancora nidifica l'aquila!
Ma il viandante di fine millennio guarda ciт in modo disincantato, attraversando la gola con ogni comoditа che l'evo moderno ha inventato per noi, proviamo invece ad immaginarlo prima della costruzione della diga, quando il viandante dell'inizio millennio viaggiava tra le rocce in una strada tagliata dalla mano dell'uomo a strapiombo sul baratro dove a fatica scorreva il Candigliano.
Fermiamoci a guardare con un occhio che "vede" ciт che ci circonda, come giа argutamente fece l'ingegnere Pierluigi Montecchini alla fine dell'ottocento…."in ogni stagione, in ogni era и sorprendente stupendo il passo del Furlo, e niuno puт resistere ad un certo qual senso di terrore che lo assale al trovarsi nel fondo di quelle balze, d'onde sembra chiusa la via ad ogni uscita."

Esempio



  



Come usare