I grassi

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2 (2)
Download:99
Data:16.11.2001
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
grassi_1.zip (Dimensione: 3.79 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_i-grassi.doc     22.5 Kb



Testo

I GRASSI O I LIPIDI

I grassi o lipidi sono sostanze abbastanza eterogenee, presentano come caratteristica comune l’insolubilità in acqua; possono essere estratti dalle cellule con solventi non polari (l’etere, il benzene, il cloroformio). Si possono dividere in lipidi complessi che per idrolosi danno alcooli ed acidi chiamati saponificabili, e in lipidi semplici che non contengono acidi grassi quindi non sono saponificabili. Ai due gruppi appartengono:
-i trigliceridi
-i fosfolipidi lipidi complessi
-le cere

-i terpeni
lipidi semplici
-gli steroidi

I TRIGLICERIDI

I grassi più comuni sono esteri particolari nei quali è sempre presente lo stesso alcool, la glicerina, mentre varia l’acido. Per ogni gruppo alcoolico della glicerina è necessario un acido. Esempio: usando tre molecole di acido butirrico, per l’eliminazione di tre molecole di acqua, si ottiene la tributirrina. Gli acidi grassi che entrano nella molecola di questi lipidi sono vari e in una sola molecola possono coesistere anche tre acidi diversi fra loro.
I trigliceridi sono i grassi formati dall’unione di glicerina con acidi grassi.
Servono agli organismi viventi per trarre energia dalla loro demolizione. Gli acidi grassi che si trovano nella composizione dei trigliceridi sono:
-l’acido palmitico

acidi saturi: hanno molecole flessibili
-l’acido stearico

-l’acido oleico acido insaturo: ha molecole rigide a causa del doppio
legame.

Alcuni acidi grassi, pur non essendo i più rappresentati quantitativamente, vengono definiti essenziali in quanto devono essere assunti esclusivamente mediante l’alimentazione: non possono essere sintetizzati dai mammiferi, che li assumono attraverso i vegetali, e costituiscono la base per la biosintesi degli altri acidi grassi e di altri composti importantissimi che derivano da questi, ossia:
-l’acido linoleico
acidi insaturi: rispettivamente con due e tre doppi
-l’acido linolenico legami.

I trigliceridi nei quali prevalgono

Esempio



  



Come usare