Glucosio

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

1.5 (2)
Download:40
Data:05.06.2001
Numero di pagine:1
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
glucosio_3.zip (Dimensione: 2.85 Kb)
trucheck.it_glucosio.doc     19.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

GLUCOSIO ZUCCHERO MONOSACCARIDE, DI FORMULA C6H12O6, CHE SI TROVA, IN FORMA LIBERA O COMBINATA, IN TUTTI GLI ORGANISMI ANIMALI E VEGETALI. FONDAMENTALE NEL METABOLISMO ANIMALE, È PRESENTE NEL SANGUE, ATTRAVERSO IL QUALE VIENE TRASPORTATO AL FEGATO DOVE È TRASFORMATO IN GLICOGENO. SI OTTIENE PRINCIPALMENTE PER IDROLISI DI GLUCOSIDI NATURALI.
È UN SOLIDO BIANCO CRISTALLINO, MENO DOLCE DELLO ZUCCHERO DA TAVOLA. IN SOLUZIONE, RUOTA A DESTRA IL PIANO DELLA LUCE POLARIZZATA: DI QUI IL NOME DI "DESTROSIO" (DAL LATINO DEXTER, "DESTRA"), SPESSO UTILIZZATO COME SINONIMO DI GLUCOSIO. PUÒ CRISTALLIZZARE IN TRE FORME DIVERSE, CIASCUNA CON POTERE ROTATORIO DIFFERENTE.
IL GLUCOSIO SI OTTIENE PER IDROLISI DI MOLTI CARBOIDRATI, FRA CUI IL SACCAROSIO, IL MALTOSIO, LA CELLULOSA, L'AMIDO E IL GLICOGENO. PER FERMENTAZIONE DI TIPO ALCOLICO, PRODUCE ALCOL ETILICO E DIOSSIDO DI CARBONIO. INDUSTRIALMENTE, VIENE PRODOTTO DALL'AMIDO, PER IDROLISI DEBOLMENTE ACIDA O, PIÙ COMUNEMENTE, ENZIMATICA. VIENE UTILIZZATO PREVALENTEMENTE COME DOLCIFICANTE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE, MA SI USA ANCHE NELLA CONCIA DELLE PELLI, NEI BAGNI DI TINTURA E IN MEDICINA, PER TRATTARE LA DISIDRATAZIONE E, QUANDO NECESSARIO, PER ASSICURARE UN CORRETTO APPORTO ENERGETICO ALL'ORGANISMO.

Esempio



  



Come usare