Daltonismo

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2 (2)
Download:97
Data:13.06.2005
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
daltonismo_1.zip (Dimensione: 3.34 Kb)
trucheck.it_daltonismo.doc     21.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

DALTONISMO

Il daltonismo è una malattia genetica descritta per la prima volta da John Dalton, scienziato inglese che ne era affetto, nel 1798. Le persone affette da questa malattia non riescono a distinguere alcuni colori: nella sua forma più diffusa il rosso e il verde.
Questo accade in quanto nella retina degli occhi sono presenti alcuni pigmenti visivi che differiscono per il colore della luce che sono in grado di assorbire; negli esseri umani, le molecole di tali pigmenti hanno una porzione proteica. I geni che codificano per la porzione proteica dei pigmenti che assorbono la luce rossa e quella verde, sono situati molto vicini sul cromosoma X. In una persona affetta da cecità al rosso ed al verde, uno di questi due geni non porta alla formazione della normale proteina, per cui, nei casi più gravi, tale persona non riesce a distinguere il rosso dal verde. Essendo questa forma di daltonismo un carattere recessivo, non sorprende che di fronte a un 8% circa di uomini che soffrono di questa malattia, vi sia solo uno 0,5% di donno affette dalla stessa malattia.
Talvolta, ma questo accade piuttosto raramente, il daltonismo non è congenito, ma viene provocato da intossicazioni (per esempio da alcol) o da malattie del nervo ottico
Dal momento che non è facile scoprire precocemente questo disturbo, oggi gli oculisti tendono a sottoporre tutti i bambini in età scolare a test per verificare la capacità di discriminazione dei colori. Di solito la prova consiste nel riuscire a identificare una figura ben riconoscibile e nota, in genere un numero o una lettera, costituita da un mosaico di puntini colorati in modo diverso dallo sfondo, come in un quadro puntilista. Il bimbo daltonico non è capace di distinguere la figura dallo sfondo perché per lui la differenza percettiva tra i due colori è così piccola che non gli consente di identificare i puntini rossi rispetto al fondo grigio.
Un vero e proprio rimedio al daltonismo non c’è, anzi il disturbo può precludere alcune carriere professionali. Tuttavia, se il daltonico non deve lavorare in una situazione nella quale è necessario discriminare con precisione i colori, il suo disturbo non costituirà un problema serio. Sono state studiate, comunque, alcune lenti rosse che consentono ai daltonici di cogliere, almeno in parte, alcune tonalità di verde. I progressi che avvengono sempre più rapidamente nella tecnologia delle lenti a contatto sembrano dare ulteriori speranze a chi non distingue i colori.

Esempio



  



Come usare