Confronto Lamarck,Darwin e prove che testimoniano la macroevoluzione

Materie:Appunti
Categoria:Biologia
Download:379
Data:29.08.2006
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
confronto-lamarck-darwin-prove-testimoniano-macroevoluzione_1.zip (Dimensione: 5.4 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_confronto-lamarck,darwin-e-prove-che-testimoniano-la-macroevoluzione.doc     30.5 Kb



Testo

ANALOGIE E DIFFERENZE TRA LAMARCK E DARWIN
Lamark
Darwin
Analogie
Evoluzionista
comune discendenza della specie
Differenze
Cambiamenti in risposta a precisi bisogni
Ambiente causa del cambiamento da
I caratteri acquisiti nella vita si trasmettono
Il numero delle specie aumenta continuamente per la comparsa di nuove specie più adatte accanto a quelle già esistenti
L'evoluzione tende a migliorare la specie
Cambiamenti casuali
Ambiente selezionatore dei cambiamenti che risultano adattativi
I caratteri acquisiti non sono tramandati
Le specie meno adatte sono destinate distinguersi
L'evoluzione è la risposta del continuo adattamento alle situazioni ambientali
RESISTENZA DEI RATTI AL VARFARIN
Più o meno come succede per gli insetti nel caso del DDT, molte popolazioni di ratti risultano oggi resistenti al varfarin,1 veleno un tempo molto efficace contro di essi. Questo composto che fu utilizzato per la prima volta contro i ratti nel 1950 in Gran Bretagna, provoca la morte di tali animali per emorragia interna, interagendo con il processo di coagulazione del sangue. La resistenza al varfarin è dovuta ad un allele dominante. I ratti dotati di questo allele possiedono un meccanismo biochimico leggermente diverso da quello posseduto dagli altri ratti, che consente la coagulazione del sangue anche in presenza di varfarin. Questo allele però comporta uno svantaggio: i ratti che lo possiedono necessitano di quantità elevate di una vitamina K; questo significa che nelle zone in cui il varfarin è assente i ratti resistenti al varfarin sono svantaggiati rispetto ai ratti privi di tale resistenza.
PROVE CHE TESTIMONIANO LA MACROEVOLUZIONE
Si tratta di cambiamenti evolutivi che sono al di sopra del livello di specie. Le prove della macro evoluzione si distinguono in cinque grandi categorie:
- numero delle specie
- biogeografia
- fossili
- omologia
- adattamento imperfetto
Numero delle specie
una prima serie di prove, raccolte più di un secolo prima di Darwin, riguardavano l'esistenza di un enorme numero di specie. Ai tempi in cui le osservazioni venivano effettuate in una limitata area della zona temperata, si pensava che ogni organismo fosse stato creato separatamente dagli altri; solo con Darwin e Fallace si mise in discussione la dottrina creazionista, mentre si viaggiava ai tropici. Lo stesso Darwin ebbe modo di osservare cambiamenti graduali in certe caratteristiche delle piante e degli animali, prove che gli organismi si erano modificati col tempo a seconda degli ambienti in cui vivevano.
Adattamento imperfetto
Secondo Darwin gli adattamenti non risultano perfetti. Egli descrive ad esempio i dispositivi ingegnosi di un fiore di orchidea strutturati in modo che l'ape cada in una piccola quantità di acqua contenuta nel petalo a forma di labbro, dal quale l'ape non può volare ma, deve uscire strisciando lungo stretti passaggi in modo da raccogliere il polline mentre cerca una via di fuga. Tuttavia Darwin descrive anche orchidee e altri tipi di piante con fiori molto meno elaborati che offrono agli insetti soltanto colori brillanti e poche gocce di mettere e infine, piante con fiori semplici, poco appariscenti, e con polline trasportato dal vento. In breve, ci sono tutte le gradazioni e varietà di adattamenti, non semplicemente un gruppo di soluzioni perfette per un dato problema.

Esempio



  



Come usare