Apparato riproduttore

Materie:Appunti
Categoria:Biologia
Download:2101
Data:07.04.2008
Numero di pagine:19
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apparato-riproduttore_5.zip (Dimensione: 296.71 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_apparato-riproduttore.doc     347 Kb



Testo

APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE
SCROTO - Sacca cutanea contenente i testicoli. E’ diviso in due porzioni non del tutto simmetriche dal setto scrotale, evidenziato all'esterno dal rafe mediano.
TESTICOLO - Gonade maschile che produce gli spermatozoi
Anatomia - I testicoli sono due organi ovoidali lunghi in media 45 mm, larghi 25 e alti 30, il cui peso medio oscilla tra 15-20 gr. Dopo la nascita sono contenuti in una sacca muscolocutanea (scroto). All'interno dello scroto ognuno è avvolto da una tunica vaginale propria ed è fissato al fondo dello scroto dal legamento scrotale.
Struttura - Il testicolo è formato da una impalcatura fibrosa di connettivo denso con fibre elastiche e da una porzione parenchimale (polpa). La prima consta di una tunica che avvolge l'organo e dalla quale si dipartono numerosi setti delimitanti 250-300 logge piramidali, nelle quali sono contenuti i lobuli parenchimali formati dai tubuli seminiferi e dal connettivo interstiziale.
Dentro alle logge i tubuli seminiferi hanno un decorso tortuoso e formano una sorta di gomitoli, da cui il nome di tubuli contorti, che continuano nella rete testicolare. La rete testicolare è un sistema di cavità, di forma e dimensioni varie, anastomizzate a rete, in cui si aprono i tubuli contorti; si risolve in 10-12 canalicoli (canali efferenti) che dopo un breve percorso si aprono in un collettore unico (condotto dell'epididimo). La sostanza interstiziale è data da connettivo lasso con cellule interstiziali (di Leydig) secernenti, il cui complesso costituisce una ghiandola endocrina preposta alla secrezione degli ormoni maschili. La secrezione esocrina del testicolo è invece rappresentata dagli spermatozoi, che si formano dall'epitelio stratificato poggiante sulla membrana propria del tubulo contorto. Tale epitelio è formato da cellule con funzione trofica (o di Sertoli) e da cellule seminali (spermatogoni, spermatociti di I ordine, spermatociti di II ordine, spermatidi), disposte in strati concentrici in modo tale per cui gli spermatidi si trovano a livello del lume del tubulo e gli spermatozoi che ne derivano si liberano nello stesso.
Patologia - La patologia del testicolo è rappresentata in genere dalla diminuzione della funzionalità (ipogonadismo), che può interessare la secrezione endocrina, quella esocrina o entrambe e che rivela cause infiammatorie (orchite), lesioni congenite o acquisite, monorchidia o criptorchidia.
EPIDIDIMO - Organo allungato e attorcigliato posto sul polo anterosuperiore del testicolo.
Anatomia - L'epididimo misura 5 cm di lunghezza. E’ costituito essenzialmente da un condotto molto flessuoso, che, srotolato, misura 6 m di lunghezza e rappresenta la parte delle vie spermatiche intercalata tra la rete testicolare e il deferente.
CANALE O DOTTO DEFERENTE - Canale che porta lo sperma dall'epididimo all'uretra. Anatomia - Il canale deferente prolunga la coda dell'epididimo e sale, al centro del cordone spermatico, a raggiungere il canale inguinale che attraversa in tutta la sua lunghezza penetrando nell'addome. Termina al punto di giunzione con la vescicola seminale e il canale eiaculatore. Nel corso del suo tragitto, il deferente, lungo complessivamente 40-45 cm, presenta un diametro esterno di 2 mm, mentre il suo lume non sorpassa 0,5 mm. È duro al tatto, il che consente di riconoscerlo facilmente tra le altre formazioni anatomiche che costituiscono il funicolo o cordone spermatico.
VESCICOLE SEMINALI – Sono due piccole tasche rotondeggianti situate sopra la prostata e costituite da un tubulo a fondo cieco, il cui secreto vischioso partecipa alla costituzione dello sperma.
CANALE O DOTTO EIACULATORE - Ognuno dei due piccoli condotti, lunghi 2,5 cm, che dalla confluenza dei dotti deferenti e delle vescicole seminali vanno alla porzione prostatica dell'uretra.
GHIANDOLE DI COWPER (o BULBOURETRALI) - Ghiandole grandi come un nocciolo di ciliegia situate nell'uomo da ambo i lati del bulbo dell'uretra e provviste di un canale escretore che sbocca nell'uretra.
PROSTATA - Ghiandola dell'apparato genitale maschile, che circonda la parte iniziale dell'uretra.
Anatomia - La prostata ha la forma di una castagna, con la base rivolta verso la vescica; è di color biancastro, di consistenza dura. La prostata, piccola nel bambino, si sviluppa all'epoca della pubertà, circonda la parte iniziale dell'uretra fino al collo della vescica. È attraversata dai canali eiaculatori, che si trovano superiormente e posteriormente alla base della prostata. L'estremità della ghiandola è circondata dallo sfintere striato della vescica, la cui contrazione impedisce la minzione. La prostata secerne un liquido lattiginoso che partecipa alla costituzione dello sperma e si versa nell'uretra al momento dell'eiaculazione, mescolandosi agli spermatozoi provenienti dalle vescicole seminali.
URETRA - Canale frapposto tra la vescica e il meato urinario, che serve al passaggio verso l'esterno dell'urina e, nel maschio, anche dello sperma.
Anatomia - L'urétra è differente nei due sessi. L'uretra maschile misura 16 cm circa di lunghezza e ha un percorso piuttosto complesso e vi si distinguono tre segmenti differenti: un segmento prostatico (o uretra prostatica) nel quale il tratto iniziale dell'uretra attraversa la prostata; un segmento membranoso (uretra membranosa), molto breve; un segmento spugnoso (uretra cavernosa), circondato dagli organi erettili (corpi cavernosi del pene) e che si estende fino alla parte terminale del pene. L'uretra termina con il meato urinario, posto all'apice del glande.
PENE - Organo copulatorio maschile. (È detto anche VERGA, ASTA, MEMBRO VIRILE, FALLO.)
Anatomia - Il pene è un organo cilindrico, situato anteriormente alla sinfisi pubica, erettile, riccamente vascolarizzato. Vi si distinguono una radice, un corpo e una estremità (glande), ricoperta, quando l'organo è in condizioni di flaccidità, da una plica cutanea scorrevole, il prepuzio. È costituito da tre formazioni vascolari, due superolaterali (corpi cavernosi) e una inferomediale (corpo cavernoso dell'uretra), attraversata dall'uretra, che si incastra fra i due precedenti e che termina alla sommità del glande con l'orificio uretrale esterno (meato urinario).
CORPI CAVERNOSI DEL PENE - Organi erettili presenti in numero di due estendentisi fino al glande: formano la maggior parte del pene.
GLANDE - Estremità rigonfia del pene.
PREPUZIO - Plica cutanea che continua la cute del pene ricoprendo il glande a cui è unito inferiormente da una piccola briglia, il frenulo. (Ha dimensioni variabili da soggetto a soggetto ed è provvisto di un orifizio che consente la fuoruscita del pene durante l'erezione.)
SPERMATOGENESI - Formazione del gamete maschile o spermatozoo.
La spermatogenesi si verifica nel testicolo secondo modalità molto simili a quelle dell'ovogenesi, anche se produce un numero quadruplo di gameti e non comporta processi di sintesi e di accumulo di materiali di riserva, per cui le varie fasi meiotiche si susseguono ininterrottamente.
La spermatogenesi inizia da cellule germinali primordiali (gonociti primari), che dividendosi ripetutamente per mitosi danno luogo a spermatogoni di tipo A, che mantengono costante la popolazione di cellule primitive, e a spermatogoni di tipo B, che per accrescimento maturativo si differenziano negli spermatociti di I ordine; questi vanno incontro a una divisione meiotica, riduzionale ed equazionale, nel corso della quale si verifica la riduzione del numero dei cromosomi caratteristico della specie umana: in pratica da ogni spermatocito di I ordine, con 46 cromosomi, si originano dapprima due spermatociti di II ordine, ciascuno con 23 cromosomi, e quindi quattro spermatidi (anch'essi con 23 cromosomi). Gli spermatidi, infine, mediante un processo caratteristico che comporta profonde modificazioni nella struttura delle cellule stesse, danno origine agli spermatozoi maturi, in grado di muoversi e di fecondare l'uovo. Durante quest'ultima parte del processo è da notare la presenza di grosse cellule piramidali, le cellule di Sertoli, che svolgono una funzione trofica durante le ultime fasi di differenziazione.
SPERMATOZOO - Gamete maschile costituente l'elemento caratteristico dello sperma.
Biologia - Gli spermatozoi formatisi mediante spermatogenesi dagli spermatidi hanno morfologia e struttura molto simili in tutti gli animali, dovendo assolvere fondamentalmente allo scopo di concentrare il materiale cromosomico in una piccola formazione dotata di movimento attivo che consenta il raggiungimento del gamete femminile (uovo), che è immobile.
Gli spermatozoi constano di una porzione ovoidale o ellissoidale o bastoncellare (testa), di un collo e di una parte intermedia cui segue un lungo filamento (coda). La testa è formata dal nucleo ricoperto per metà o due terzi da una vescicola (acrosoma) ripiena di materiale opaco. Nel nucleo la cromatina si presenta condensata al massimo grado, in quanto si tratta di DNA rappresentante il patrimonio genetico paterno che deve solo essere passivamente trasportato verso l'uovo per fecondarlo; nell'acrosoma, invece, sono presenti gli enzimi necessari per la penetrazione nell'elemento femminile. Alla base del nucleo, nel collo, è contenuta una coppia di centrioli, dalla quale hanno origine le strutture tipiche della coda o flagello, che ne assicurano la mobilità: i microtubuli. Nella parte intermedia, infine, vi sono numerosi mitocondri, in disposizione elicoidale, per assicurare l'energia (adenosintrifosfato o ATP) necessaria per il movimento nelle vie genitali femminili. Il flagello caudale, la cui struttura filamentosa è stata ricondotta a quella delle ciglia vibratili, rappresenta l'apparato motore dello spermatozoo che rende possibile lo spostamento della testa mediante oscillazioni ondulatorie ed è stato evidenziato sia dall'osservazione microscopica sia dalla ripresa cinematografica.
Gli spermatozoi, estremamente sensibili alle variazioni del pH ambientale, soprattutto nel senso dell'acidità, non sono in grado di assumere materiali energetici dall'ambiente, per cui la loro vita e il loro movimento sono legati alla presenza di materiali citoplasmatici contenuti nel collo, esauriti i quali si fermano e muoiono. Nell'uomo e in quasi tutti gli altri mammiferi ciò si verifica entro poche ore dall'eiaculazione; perciò se l'uovo non viene raggiunto entro tale periodo la fecondazione non è possibile.
GONADOTROPINE – Ormoni secreti dall'ipofisi e che intervengono nello sviluppo e nella funzione degli organi genitali, in entrambi i sessi.
Fisiologia - Gli ormoni gonadotropi, sostanze proteiche secrete dal lobo anteriore dell'ipofisi, regolano la comparsa della pubertà e il successivo svolgersi delle funzioni sessuali, agendo sulle gonadi. Si distinguono: la gonadotropina I (o gonadostimolina A o follicolostimolina o ormone follicolo stimolante o più comunemente FSH, dalle iniziali del termine inglese), che nella femmina provoca lo sviluppo del follicolo ovarico e stimola la produzione di ormoni estrogeni; nel maschio stimola lo sviluppo dell'epitelio dei tubuli seminiferi, favorendo la spermatogenesi; la gonadotropina II (o gonadostimolina B o ormone luteinizzante o più comunemente LH), che nella femmina stimola l'ovulazione e la formazione del corpo luteo, nonché la produzione di estrogeni; nel maschio stimola le cellule interstiziali del testicolo, che producono ormone androgeno; la gonadotropina III (o gonadostimolina C o luteotropina o prolattina o LTH), che nella femmina stimola la produzione di progesterone da parte del corpo luteo e la secrezione lattea da parte delle ghiandole mammarie.
EREZIONE – Aumento di consistenza e di volume di organi erettili, dovuto alla maggiore irrorazione sanguigna.
Fisiologia - L'erezione si verifica soprattutto negli organi genitali, specialmente nella verga del maschio, permettendo in tal modo il coito e, quindi, la fecondazione. Le modificazioni apportate dall'erezione avvengono nei corpi cavernosi del pene e in quelli spugnosi del bulbo dell'uretra e del glande, per effetto della vasodilatazione, che a sua volta è provocata da eccitazioni sensoriali (eccitazioni meccaniche della regione genitale, specialmente della mucosa del glande) e psichiche (impressioni visive e olfattive, ricordi, associazioni di idee e anche letture erotiche). Queste ultime si trasmettono al midollo per mezzo delle vie centrifughe e vanno a eccitare i nervi sacrali ed erettori.
Le contrazioni peristaltiche di queste vie favoriscono la progressione degli spermatozoi.
ORGASMO - Fase di massima eccitazione durante il coito, accompagnato in genere dall'eiaculazione.
Medicina - L'orgasmo si verifica per via riflessa: in entrambi i sessi la stimolazione delle zone erogene provoca la contrazione della muscolatura liscia degli organi copulatori che determina a sua volta l'eiaculazione; si accompagna a sensazioni di piacere molto intenso, a una spiccata congestione locale, all'accelerazione del polso, all'ipertensione arteriosa e spesso anche a dispnea (difficoltà respiratoria) e tremore. L'orgasmo può essere provocato anche al di fuori del coito, con la masturbazione, con pratiche di perversioni sessuali oppure da sogni, dall'eccitazione cerebrale dovuta a violente emozioni o a stati asfittici.
FIMOSI - Stenosi (riduzione patologica del calibro di un canale o di un orifizio organico che comporta alterazioni nel passaggio del contenuto) dell'orifizio del prepuzio, che ostacola lo scoprimento del glande.
Medicina - La fìmosi è molto spesso congenita. È frequentemente all'origine di complicanze infettive, di parafimosi; nell'adulto ostacola il coito. Nei casi leggeri la malformazione può essere corretta con dilatazioni successive e progressive; nei casi più gravi è necessario procedere alla circoncisione (intervento chirurgico, consistente nell'asportazione totale o parziale del prepuzio, praticato nel trattamento della fimosi o per motivi igienici). La fimosi acquisita può derivare da un'infezione locale e si ha soprattutto nei diabetici; può anche essere manifestazione iniziale di un tumore localizzato.

APPARATO RIPRODUTTORE FEMMINILE
OVAIA o OVAIO - Gonade femminile consistente in una ghiandola pari, simmetrica, ai lati dell'utero.
Le ovaie sono ghiandole pari a forma di mandorla, lunghe 2,5s5, larghe circa 2 e spesse 1,5 cm, che pesano 658 g allo stato adulto, meno prima della pubertà e dopo la menopausa. Nell'ovaia si distingue uno stroma, struttura vascoloconnettivale di sostegno, e un parenchima, costituito fondamentalmente dai follicoli ovarici, formazioni sferiche contenenti l'ovocito, in differenti stadi di sviluppo. L'attività ovarica consta di due funzioni di pari importanza: generativa, sfociante ogni 28 giorni nell'ovulazione, ed endocrina.
Gli ormoni prodotti dall'ovaia sono l'ormone follicolare detto estradiolo, che viene eliminato in forma di estrone o follicolina, e l'ormone del corpo luteo, chiamato progesterone. Il primo è responsabile dello sviluppo dei genitali femminili, della comparsa dei caratteri sessuali secondari e delle modificazioni cicliche caratteristiche che culminano con la mestruazione; il secondo ha invece il compito di preparare e mantenere tutte le modificazioni dell'apparato genitale femminile e delle ghiandole mammarie inerenti la gravidanza.
TROMBA (o TUBA) UTERINA (o DI FALLOPPIO) o OVIDOTTO o SALPINGE
Anatomia - Le trombe o tube uterine (o di Falloppio) od ovidotti o salpingi sono due condotti simmetrici lunghi 10e14 cm che collegano da entrambi i lati l'utero all'ovaia corrispondente.
Nella tromba uterina si distinguono quattro successivi segmenti: la parte interstiziale, corrispondente all'estremità mediale, che attraversa la parete uterina in corrispondenza dell'angolo superolaterale e sfocia nella cavità dell'utero; l'istmo, che congiunge l'utero alla porzione principale della tuba, l'ampolla; il padiglione, che forma una specie di largo imbuto che circonda l'estremità superiore dell'ovaia. Il padiglione è provvisto di numerose fimbrie una delle quali in rapporto con l'ovaia. La mucosa che riveste internamente la tromba è ricoperta da un epitelio cilindrico monostratificato provvisto di ciglia, che agevolano la migrazione dell'uovo nella cavità uterina.
L'impervietà di entrambe le trombe è una delle più frequenti cause di sterilità femminile.
UTERO - Organo della gestazione dei mammiferi.
Anatomia - L'utero è un organo cavo, a pareti muscolari, destinato a contenere l'uovo fecondato per tutto il periodo della sua evoluzione e a espellere il feto al termine della gravidanza. È situato nel piccolo bacino, dietro la vescica e davanti al retto, e ha grossolanamente la forma di una pera, appiattita in senso anteroposteriore; lungo nella nullipara 6i7 cm e 778 cm nella pluripara; largo 4 cm, pesante 40850 gr nella nullipara e 60570 gr nella pluripara. Inferiormente alla parte mediana presenta uno strozzamento, detto istmo, che separa l'organo in due parti: una inferiore, il collo, che sporge nella vagina, e una superiore e più voluminosa, il corpo. Nell'utero si distingue una cavità uterina vera e propria e una cavità del collo (canale cervicale). L'utero è un organo abbastanza mobile la cui posizione è variabile in relazione alla gravidanza, alla replezione del retto e della vescica, ecc.
La parete uterina è formata, dall'interno all'esterno, dalla tunica mucosa o endometrio (formato dalle ghiandole endometriali e dal corion, che è un tessuto connettivo-vascolare perighiandolare ed è provvista delle ghiandole uterine) che subisce trasformazioni cicliche in rapporto all'attività funzionale dell'ovaia (v. ciclo estrale), dallo strato muscolare o miometrio (costituita da tre strati: uno interno, uno medio, molto spesso e riccamente vascolarizzato, e uno esterno, sottosieroso, molto sottile) e dalla tunica sierosa o perimetrio.
VAGINA - Canale muscolomembranoso posto tra utero e vulva.
Anatomia - La vagina è l'organo femminile della copula. È situata davanti al retto e dietro alla vescica e all'utero, misura 10 cm circa di lunghezza e 3 cm circa di larghezza; ha forma cilindrica, piuttosto appiattita in senso anteroposteriore; le sue pareti sono adiacenti tra loro quando l'organo è vuoto. Vi si distinguono il corpo, il fornice costituito da un solco circolare che collega la porzione iniziale della vagina al muso di tinca dell'utero, l'orificio vaginale, consistente in una fessura di dimensioni e forma variabili secondo che si tratti di donna vergine, deflorata o che ha partorito, in relazione alla presenza dell'imene o delle caruncole mirtiformi che ne residuano.
IMENE - Membrana che, nella donna vergine, restringe l'orifizio esterno della vagina.
Anatomia - L'imene può avere spessore e forma variabili (in genere è semilunare) e si inserisce direttamente sul bordo dell'orifizio vaginale esterno. Nel corso del primo rapporto sessuale, l'imene si lacera e i lembi cicatrizzati prendono il nome di caruncole mirtiformi. Durante il parto quelle lacerazioni si approfondiscono e se ne creano di nuove.
In alcune donne l'imene è praticamente inesistente dalla nascita; in altre è così elastico da consentire rapporti sessuali senza riportarne lesione di sorta. La sua presenza e integrità, quindi, non costituiscono prova certa di verginità, né la sua assenza è segno sicuro di avvenuta deflorazione. Al contrario, le caruncole mirtiformi sono segno di avvenuti rapporti sessuali.
VULVA - Insieme delle parti genitali esterne femminili.
Anatomia - La vulva comprende, nella donna, il monte di Venere, le grandi e le piccole labbra che combaciano medialmente e che delimitano uno spazio triangolare, detto «vestibolo», nella parte anteriore del quale si trovano il clitoride e il meato urinario; dietro a questi organi si trova l'orifizio esterno della vagina, nelle vergini parzialmente chiuso dall'imene.
CLITORIDE - Piccolo organo erettile situato nella parte superiore della vulva, alla radice delle piccole labbra.
Anatomia - Il clitòride della donna e delle femmine dei mammiferi è, entro certi limiti, omologo al membro maschile; infatti è formato da due corpi cavernosi ed è imbrigliato da una piega delle piccole labbra detta frenulo del clitoride. Nel clitoride risiede una parte della sensibilità genitale della donna.
OVOGENESI - Formazione del gamete femminile o uovo.
L'ovogenesi si verifica nell'ovaia e presenta notevoli somiglianze con la spermatogenesi, pur sfociando nella formazione di un numero di gameti quattro volte inferiore. Inizia con una fase germinativa in cui le cellule germinali primitive (protogoni) si moltiplicano dando luogo agli ovogoni, i quali, dopo un periodo di riposo (che nella specie umana va dalla nascita alla pubertà), entrano nella fase di accrescimento (auxocitosi) che li trasforma in ovociti di I ordine, cellule voluminose con grande nucleo centrale, che accumula sostanze di riserva. L'ovocito di I ordine ha già dimensioni e struttura dell'uovo, tuttavia per raggiungere la maturità, che ne permette la fecondazione, deve subire due divisioni riduzionali, che distinguono la fase di maturazione e che sono separate da periodi di stasi in cui si accumulano sostanze di riserva. La prima mitosi o divisione maturativa, disuguale, produce due cellule figlie, l'ovocito di II ordine e una cellula minuscola, il I globulo polare, che degenera; la seconda mitosi suddivide l'ovocito di II ordine nell'uovo, gamete maturo aploide pronto per la fecondazione, e nel II globulo polare piccolo come il I, che si divide subito in due e degenera.
ENDOMETRIO - Lo spessore, l'architettura e l'aspetto cellulare dell'endometrio sono determinati dalla secrezione follicolinico-luteinica dell'ovaio che ne condiziona nettamente le fasi. Queste, riconoscibili durante il ciclo mestruale con biopsie dell'endometrio, sono:
1. la fase follicolinica, immediatamente successiva alla mestruazione, nel corso della quale tutti gli elementi cellulari dell'endometrio si moltiplicano. Si assiste cioè a una vera e propria ricostituzione del tessuto i cui strati superficiali e medi erano stati eliminati durante il flusso mestruale: il corion diventa ricco di cellule, i tubuli ghiandolari si moltiplicano, le mitosi cellulari sono numerosissime. Questa fase corrisponde, a livello dell'ovaio, all'accrescimento del follicolo di Graaf e in particolare all'aumento dello strato delle cellule granulose. Questa fase dura fino al quattordicesimo giorno del ciclo mestruale (contando come primo quello in cui è iniziato il flusso);
2. la fase luteinica, dovuta alla secrezione da parte del corpo luteo (che si costituisce subito dopo l'espulsione dell'uovo, verificantesi appunto al quattordicesimo giorno del ciclo mestruale) di progesterone e di follicolina. A carico dell'endometrio si constata la presenza di una spiccata secrezione di glicogeno nelle cellule ghiandolari, la comparsa di spine connettivali che deformano la struttura delle ghiandole, dando loro un contorno dentellato e infine la differenziazione delle arterie del corion, che assumono un aspetto a spirale. Se l'uovo viene fecondato l'endometrio, grazie a queste trasformazioni, è pronto ad accoglierlo; se invece non c'è fecondazione, gli strati superficiali e medi dell'endometrio vengono eliminati e si ha la mestruazione.
CICLO ESTRALE - Complesso delle manifestazioni citoistologiche dell'utero e della vagina, che, sotto l'influenza degli ormoni sessuali, preparano questi organi alla fecondazione e alla gestazione.
Comprende: 1. proestro o fase follicolinica (caratterizzata da intensa proliferazione cellulare); 2. estro vero e proprio (gr. ôistros, fig. assillo, stimolo), nel corso del quale si hanno l'ovulazione e la fregola (caratterizzata dall’insieme dei fenomeni istologici e funzionali che precedono, accompagnano e seguono l'ovulazione nelle femmine dei mammiferi); 3. Metaestro o fase follicolinico-luteinica (caratterizzata dalla formazione del corpo luteo successiva alla deiscenza del follicolo); 4. diestro o fase luteinica (caratterizzata da una situazione di riposo).

IL CONTROLLO DELLE NASCITE

Negli ultimi decenni il controllo delle nascite è diventato un aspetto rilevante per l’individuo e per la collettività. La tendenza ad avere meno figli deriva dalla consapevolezza che l’aumento esplosivo della popolazione (dovuta a minore mortalità e migliori condizioni di vita e alimentazione) è causa di grossi problemi ambientali e sociali. Inoltre, occorre considerare le condizioni di salute dei genitori, la loro disponibilità di tempo ad allevare ed educare i figli, i relativi problemi economici, il loro desiderio di avere più tempo libero, il desiderio di garantire ai figli un più elevato tenore di vita.
Il metodo contraccettivo ideale deve possedere contemporaneamente quattro requisiti: deve essere sicuro (deve garantire al 100% che non ci sia una gravidanza non desiderata), innocuo (non deve avere effetti patologici durante e dopo l’impiego), reversibile (deve consentire il ritorno ad una normale fertilità quando lo si desideri), accettabile (facile da usare e senza controindicazioni psicologiche, morali o religiose).
In base al loro meccanismo d’azione, si possono classificare in tre gruppi:
• Impediscono la spermatogenesi o l’ovulazione: pillola, minipillola, pillolo.
• Impedire la fecondazione: coito interrotto, diaframma, preservativo, sostanze spermicide, metodi naturali (Ogino-Knaus, ciclo termico, muco cervicale), sterilizzazione (taglio tube, vasectomia).
• Impedire l’annidamento: spirale, pillola RU486.
NESSUN METODO (grado di sicurezza 40%) – Purtroppo le statistiche indicano che la maggior parte dei giovani, nonostante la massiccia informazione dei mass-media e il maggior dialogo con genitori e insegnanti, hanno il primo rapporto senza alcuna precauzione. Ancora peggio è l’abitudine di lavare a fondo le vie genitali femminili, perché l’acqua facilita la penetrazione degli spermatozoi.
PILLOLA (100% circa) – Agisce sull’equilibrio ormonale che regola l’ovulazione. La più nota è quella estro-progestinica, associazione di ormoni femminili (estrogeno e progesterone) che agiscono sull’ipofisi bloccando la produzione dell’ormone gonadotropo, alterano la motilità delle trombe e ostacola l’annidamento dell’ovocita fecondato nelle pareti uterine. Bisogna ingerire giornalmente una pillola dal 5° giorno dall’inizio dell’ultima mestruazione: durante la sospensione di sette giorni, durante i quali compare il flusso mestruale, e poi si riprende l’assunzione.
Poiché la pillola provoca un’alterazione del normale equilibrio ormonale, bisogna assumerla sotto controllo medico. Provoca effetti collaterali sulla salute della donna e non è consentito dalla Chiesa. Pur essendo molto sicuro, tale metodo ha l’inconveniente di dover assumere la pillola giornalmente, perché un rapporto sessuale non può essere programmato.
MINIPILLOLA (98%) – E’ composta da un solo ormone (normalmente un progestinico) che fa ispessire il muco cervicale impedendo il passaggio degli spermatozoi. Occorrono le stesse precauzioni della pillola e ha le stesse limitazioni della pillola. Minori controindicazioni si hanno usando le pillole sequenziali, contenenti un solo ormone e che si assumono in sequenza.
PILLOLO – Interferisce con la produzione e la maturazione degli spermatozoi. E’ a base di progesterone (che inibisce la liberazione di gonadotropine) e testosterone (che conserva immutati i caratteri sessuali secondari). Precauzioni e controindicazioni sono le stesse della pillola. Inoltre, lascia all’uomo l’intera responsabilità della prevenzione.
COITO INTERROTTO (60%) – Consiste nell’interrompere il rapporto sessuale pochi istanti prima dell’eiaculazione. E’ il metodo più antico, ma anche il meno sicuro; molto diffuso tra i giovani, è il meno adatto per loro perché richiede notevole autocontrollo da parte dell’uomo; inoltre può creare disturbi psichici per il minor appagamento. Non è condannato dalla Chiesa.
DIAFRAMMA (94%) – Trattasi di una calotta di gomma la cui misura deve essere scelta caso per caso dal ginecologo. Riveste il collo dell’utero separando la vagina dal canale cervicale, impedendo l’ingresso degli spermatozoi. E’ innocuo e abbastanza sicuro, purché correttamente usato. La sua efficacia può essere aumentata con l’uso di creme spermicide. Va introdotto in vagina dieci minuti prima del rapporto sessuale e rimosso dopo almeno dodici ore: ciò rappresenta una controindicazione. Inoltre, può non essere accettato psicologicamente dalla donna. Il metodo non è accettato dalla Chiesa.
PRESERVATIVO o CONDOM (90%) - Trattasi di un cappuccio di gomma molto sottile con cui si riveste il pene durante l’erezione per trattenere lo sperma. Oltre che il controllo delle nascite, il preservativo presenta il vantaggio di ridurre al minimo i rischi di trasmissione di malattie a trasmissione sessuale (veneree), come AIDS, blenorragia, sifilide.
Per limitare gli insuccessi occorrono alcune precauzioni: non lacerarlo con le unghie, indossarlo poco prima della penetrazione e con il pene in completa erezione, non lasciare bolle d’aria nel serbatoio terminale per la raccolta dello sperma, avere dei rapporti non troppo “movimentati”, rimuoverlo subito dopo l’eiaculazione (e quindi escludere la fase finale del rapporto).
Tali precauzioni costituiscono in gran parte anche le controindicazioni. Inoltre ricordiamo la contrarietà della Chiesa, interruzione dei preliminari del rapporto, a volte un rifiuto psicologico.
SOSTANZE SPERMICIDE (80%) – Sono costituite da creme e ovuli che dovrebbero uccidere gli spermatozoi, ma hanno una limitata sicurezza contraccettiva, oltre che la contrarietà della Chiesa. Possono essere utili come coadiuvanti di altri metodi.
METODI NATURALI – Con questa denominazione si comprendono quei metodi che tendono ad evitare la gravidanza evitando i rapporti sessuali nei giorni fertili della donna. Sono gli unici accettati dalla Chiesa.
Il metodo Ogino-Knaus (75%) si fonda sulla considerazione che: a) in ogni ciclo avviene una sola ovulazione, fra il 12° e il 14° giorno del ciclo mestruale; b) la fecondazione dell’uovo deve verificarsi entro 12-14 ore dalla sua espulsione dall’ovaia; c) gli spermatozoi conservano la loro capacità fecondativa non oltre 96 ore dopo la deposizione nella vagina.
La validità di questo metodo è legata alla regolarità del ciclo mestruale e alla capacità di individuare esattamente il periodo fertile. Tale metodo, pertanto, non è idoneo a coloro che non hanno un ciclo regolare (comprese ragazze e donne prossime alla menopausa). Altre controindicazioni sono la scarsa affidabilità e la notevole riduzione dei rapporti sessuali.
Il periodo fertile si colloca tra il 10° e il 18° giorno in un ciclo mestruale regolare di 28 giorni. Ma poiché il ciclo può variare anche per una stessa donna da 25 a 31 giorni, occorre riferirsi agli ultimi 12 cicli, per individuare quello più corto e più lungo. Il primo periodo sterile dura quanto la durata del ciclo più corto meno 19; l’inizio del secondo periodo sterile si ottiene dalla durata del ciclo più lungo meno 10.
Esempio: ciclo più corto 26 gg, ciclo più lungo 30 gg.
1° periodo sterile: dal primo al settimo giorno (26-19=7);
2° periodo sterile: dal 20° giorno (30-10=20) al termine.
Il metodo del ciclo termico (85%) si applica misurando ogni mattina alla stessa ora la temperatura corporea per individuare il rialzo termico di qualche decimo di grado associato all’ovulazione. Considerando che un ovocita può essere fecondato fino a 36-48 ore dopo l’ovulazione, i rapporti sessuali a partire dal terzo giorno dopo il rialzo termico e fino alla successiva mestruazione sono sicuri. Il quotidiano rilevamento della temperatura crea un obbligo ed è a volte psicologicamente mal accettato; inoltre la variazione termica non è evidente o può essere dovuta a leggeri stati patologici, stanchezza, ecc.
Il metodo del muco cervicale consiste nell’individuare l’emissione di muco cervicale (sostanza vischiosa e filante, biancastra e quasi trasparente molto simile all’albume dell’uovo crudo), che avviene nel periodo centrale del ciclo mestruale corrispondente all’ovulazione.
STERILIZZAZIONE (100%) – Comprende la legatura delle tube (che impedisce agli spermatozoi di raggiungere e fecondare l’ovocita) e la vasectomia o taglio dei deferenti (che impedisce l’espulsione degli spermatozoi). Contrastato dalla Chiesa, è un intervento in genere irreversibile che, soprattutto dall’uomo, viene vissuto spesso e a torto come menomazione della propria virilità e crea notevoli problemi psicologici.
SPIRALE o DISPOSITIVO INTRAUTERINO (IUD) (98%) – E’ una spirale di plastica o di plastica e rame di forma varia, che viene inserita nell’utero dal medico e vi rimane per circa tre anni. Provoca una infiammazione dell’endometrio che impedisce l’annidamento dell’ovocita fecondato. Non accettato dalla Chiesa, può provocare problemi psicologici nella donna e anche delle patologie e non è applicabile in caso in caso di malattie in atto (fibroma, malattie del collo uterino, ecc.). Le mestruazioni sono più lunghe e abbondanti e vi è sempre il rischio che la spirale venga espulsa.
PILLOLA RU486 o PILLOLA DEL GIORNO DOPO (98%) – Interferisce con la produzione di progesterone e rende l’utero incapace di ricevere l’uovo fecondato (cioè di dar inizio alla gravidanza). Ha efficacia per parecchi giorni ed è stata usata dopo rapporti senza protezione. Poiché agisce sull’uovo già fecondato, non è ammesso dalla Chiesa. Poiché permette all’utero di rigettare anche un embrione già impiantato, potrebbe essere usato come farmaco abortivo. E’ legale come anticoncezionale in Francia.

Esempio



  



Come usare