Anatomia, il sistema nervoso

Materie:Appunti
Categoria:Biologia

Voto:

2 (2)
Download:1093
Data:02.01.2002
Numero di pagine:7
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
anatomia-sistema-nervoso_1.zip (Dimensione: 7.6 Kb)
trucheck.it_anatomia,-il-sistema-nervoso.doc     32.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

- Il sistema nervoso -

INTRODUZIONE

Il tessuto nervoso è costituito principalmente da neuroni ed esso è la cellula del sistema nervoso e si compone di un corpo o pireneforo che contiene il nucleo. Dal corpo si diramano uno o più prolungamenti che prendono nome di dendriti ai quali giunge lo stimolo nervoso proveniente da un’altra cellula nervosa. Un particolare prolungamento è l’assone che ha il compito di propagare lo stimolo nervoso in direzione centrifuga cioè verso un altro neurone.
Nel sistema nervoso periferico gli assoni e i dendriti sono avvolti da speciali cellule dette cellule si Schwann. Durante lo sviluppo embrionale tali cellule crescono e ricoprono gli assoni e i dendriti con strati di membrana cellulare dette guaine mieliniche, questa guaina permetta la trasmissione più rapida degli impulsi .La guaina mielinica essa risulta interrotta ad intervalli da strozzature dette nodi del Ranvie . ciascun tratto compreso tra 2 nodi del ranvier consecutivi(segmento internodale) corrisponde una sola cellula dello Schwann nelle fibre nervose periferiche ,mentre un solo oligodendrocita in quello centrale.
I neuroni trasmettano le informazioni sotto forma di impulsi elettrici. Nel tessuto nervoso vi sono altri tipi di cellule:
1)le cellule della nevroglia (che non hanno funzione del tutto nervosa e forniscono supporto e protezione ai neuroni;(esempio:cellule ependimali:che tappezzano i ventricoli del cervello e del midollo spinale;Cellule di schwann;cellule satelliti dei gangli periferici)
2)le cellule astrociti di forma stellata che sembrano abbiano un ruolo nella liberazione dei neurotrasmettitori.Essi si distinguono in: astrociti fibrosi predominanti nella sostanza bianca;e astrociti protoplasmatici.
3)oligodendrociti sono piccole cellule golose che nella sostanza grigia si dispongono circondando i pirenefori delle cellule nervose;mentre nella sostanza bianca sono molto + numerosi si dispongono attorno alle fibre nervose costituendo le guaine mieliniche.
L’impulso nervoso si trasmette attraverso la sinapsi, che comprende la zona di contatto tra 2 neuroni in corrispondenza della quale passa impulso nervoso. A livello della sinapsi i neuroni sono strettamente accostati tra di loro senza però venire direttamente a contatto essendo separato da uno spazio detto intervallo sinaptico. Secondo la porzione con cui i 2 neuroni vengono a contatto si creano vari tipi di sinapsi ossia assonomatica, assodontritica, assoassonica e dendriode dridica.

IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE

E’ costituito dal midollo spinale e dall’encefalo.

IL MIDOLLO SPINALE

Si estende nel canale vertebrale da subito sotto il foro occipitale fino al corpo della seconda vertebra lombare,misura circa 44cm ed è immerso nel liquido cefalo-rachidiano così che il midollo può agevolmente seguire i movimenti della colonna vertebrale.
Guardando dalla parte anteriore del midollo si vedono le radici anteriori (motrici) mentre, guardando posteriormente si vedono le radici posteriori dei nervi spinali (sensitive).Dal midollo spinale originano 31 paia di nervi chiamati: nervi spinali periferici .Il midollo se sezionato,si distinguono:
1) la sostanza grigia del midollo spinale e’ a forma di H ed è costituita da cellule nervose e da fibre nervose nella maggior parte amieliniche (sono quelle fibre che dispongono di un singolo avvolgimento da parte della cellula si Schwann).La sostanza grigia nella sua zona centrale e’ attraversata da una ristretto canale centrale che si a pre nel IV ventricolo cerebrale.La porzione della sostanza grigia circostante a questo canale e’ detta commissura grigia(cioè la barretta trasversale della lettera H).
Le cellule nervose della sostanza grigia del midollo spinale sono di 2 tipi: cellule del I° tipo del Golgi (cellula a neurite lungo) che in genere rivestendosi della guaina mielinica esce dalla sostanza grigia; il II° tipo di cellule del Golgi (cellule a neurite breve) hanno invece il neurite che si estingue ramificandosi entro la sostanza grigia. Le cellule del I° tipo sono distinti in cellule radicolari e cellule funicolari.
- Le cellule radicolari hanno i loro neuriti che diventano fibre mieliniche: le fibre radicolari anteriori che escono dal midollo spinale costituendo le radici anteriori dei nervi spinali, esse sono distinte in cellule motrici somatiche e cellule effettrici viscerali. Le cellule motrici somatiche dette anche neuroni somatomotori o più comunemente motoneuroni. Si considerano i motoneuroni alpha sono distinti in fasici e tonici;quelli fasici inviano alle fibre muscolari striate scheletriche impulsi nervosi che ne determinano la contrazione rapida fasica ,quelli tonici trasmettono invece alle fibre muscolari striate scheletriche impulsi nervosi prolungati che aumentano il tono muscolare. I motoneuroni Y sono di minore grandezza rispetto agli alpha e sono anche meno numerosi e hanno il compito di registrare lo stato di tensione dei muscoli o tono muscolare.
Le cellule effettrici viscerali dette anche neuroni pregangliari esse sono deputate all’innervazione della muscolatura involontaria.
- Cellule funicolari danno origine a fibre mieliniche (fibre funicolari che entrano nella formazione dei cordoni della sostanza bianca del midollo spinale .
In seno alla sostanza grigia del midollo spinale le cellule nervose sono in parte disseminate ed in parte riunite in nuclei. I nuclei sono classificabili in 3 gruppi: nuclei del corno anteriore,che sono motori;nuclei della zona intermedia,che sono vegetativi; nuclei del corno posteriore, che sono sensitivi.

2) Sostanza bianca del midollo spinale circonda la sostanza frigia a forma di H ed e’ costituita quasi interamente da fibre nervose mieliniche(sono fibre nervose dotate di una spessa guaina mielinica.
Le fibre della sostanza bianca del midollo spinale decorrono per la maggior parte verticalmente , con direzioni ascendenti oppure discendente entro i cordoni della sostanza bianca formandone i fasci (fibre funicolari), possono essere fibre endogene se nate dalle cellule funicolari del midollo spinale stesso; oppure fibre esogene , che dall’encefalo scendono nel midollo spinale.
Ci sono altre fibre che percorrono la sostanza bianca grosso modo orizzontalmente: sono le fibre commessurali e le fibre radicolari.
Le fibre commessurali , sono fibre funicolari e sono proprie della commissura bianca del midollo spinale.
Le fibre radicolari sono rappresentate in tratti intramidollari delle radici anteriori e delle radici posteriori dei nervi spinali.Le fibre radicolari anteriori sono fibre motrici somatiche e fibre pregangliari.Queste percorrono riunite in fascetti dove poi fuoriescono come radici anteriori dei nervi spinali,.
Le fibre radicolari posteriori sono fibre sensitive e sono incaricate a portare gli impulsi della sensibilità tattile epicritica e della sensibilità propriocettiva-(termica e dolorifica) cosciente del tronco e degli arti.

L’ENCEFALO

Occupa la cavità del cranio ed e’ protetto dalle ossa craniche,dalle membrane meningee e dal liquido cerebrospinale. Puo’ essere suddiviso in 4 porzioni principali:
1)ROMBOENCEFALO: costituito da cervelletto-ponte oblogata(midollo allungato o bulbo).
2)TELENCEFALO: costituito dagli emisferi cerebrali ossia dalla corteccia cerebrale e dai gangli della base.
3)DIENCEFALO: costituito dal talamo e ipotalamo.
4) MESENCEFALO: costituito dai peduncoli cerebrali e dai tubercoli quadrigemini.

(tronco cerebrale=mesencefalo+romboencefalo;prosencefalo=telencefalo+ diencefalo;).

- Il cervelletto: e’ situato posteriormente al midollo allungato ed al ponte.Sono distinguibili nel cervelletto ,una parte centrale appiattita detta Verme e 2 parti laterali detti emisferi cerebellari.
- La superficie del cervelletto e’ percorsa da numerosi solchi cerebellari
Se sezionato il cervelletto presenta in superficie un strato di 2-5 mm di sostanza grigia chiamata corteccia cerebellare che ha come suoi elementi le cellule del Purkinje, La corteccia appare solcata da varie circonvoluzioni; su di essa, in ciascun emisfero, è possibile suddividere le aree deputate a scopi diversi:
- Lobo occipitale (posteriore): vi arrivano le fibre del nervo ottico e permette di vedere gli oggetti;
- Lobo temporale e lobo parietale (laterale): vi arrivano le fibre del gusto, dell’olfatto, dell’udito, dei propriocettori e del tatto; esso registra queste sensazioni ed è quindi una grande area sensitiva, che contiene però anche i centri della memoria e della parola scritta e parlata;
- Lobo frontale (anteriore): è una grande area motrice da cui partono gli impulsi per i movimenti volontari e per la parola parlata e scritta.
; mentre all’interno e’ formato da sostanza bianca chiamata corpo midollare del cervelletto, ma nella sostanza bianca troviamo anche alcune formazioni di sostanze grigie che prendono il nome di nuclei del cervelletto (esempio: talamo e corpo striato) e sono in numero di 4: 1) il nucleo del tetto , il nucleo globoso e il nucleo emboliforme che sono accolti tutte e 3 nel verme del cervelletto,.mentre il nucleo dentato che e’ il più voluminoso dei precedenti e’ posto invece nell’emisfero cerebellare.
Tutte e 4 i nuclei ricevono i neuriti dalle cellule di Purknje provenienti dalla corteccia cerebellare e danno fasci di fibre che, immettendosi nei peduncoli cerebellari , fuoriescono dal cervello. I peduncoli cerebellari sono costituiti dai sistemi afferenti e da quelli efferenti;e tramite i peduncoli cerebellari il cervelletto si puo’ collegare con il mesencefalo mediante il peduncolo cerebellare superiore; con il ponte mediante il peduncolo cerebellare medio; con il midollo allungato tramite il peduncolo cerebellare inferiore.
- Il ponte e’ posto davanti al cervelletto tra il mesencefalo e il midollo allungato.E’ costituito da un intreccio di fibre traverse e longitudinali.D a esso emergono alcuni nervi cranici come : il trigemino(che e’ deputato x l’innervazione dei muscoli masticatori), abducente (esso provvede al’innervazione del muscolo retto laterale dell’occhio), faciale, l’acustico. Possiede un solco bulbopontinoche segue il confine tra ponte e midollo allungato.
- Il Midollo allungato è compreso tra il midollo spinale che gli e’ posto inferiormente, ed il ponte che gli sta al di sopra.Il midollo spinale e’ per la gran parte contenuto nella cavita’ cranica e una piccola parte nel canale vertebrale raggiungendo in avanti l’apice del dente dell’epistrofeo mentre in addietro la membrana occipito-atlantoidea posteriore.E’ attraversato da tutte le vie nervose motorie e sensitive. I suoi neuroni si presentano raggruppati in nuclei .Dal nucleo ambigua originano il nervo glossofaringeo (che e’ deputato all’innervazione dei muscoli della faringe e della laringe.) e dietro al nucleo ambiguo c’e’ il nucleo salivatorio inferiore incaricato all’innervazione della ghiandola parotide e delle ghiandole della tonaca mucosa delle guancie.Il midollo allungato e’ il centro di regolazione di funzioni essenziali dell’organismo: in base alla necessita ,determina il ritmo cardiaco,regola il flusso all’interno dei vasi sanguigni e la pressione del sangue, determina la profondita’ e la frequenza della respirazione.

Esempio



  



Come usare