acidi e basi

Materie:Tesina
Categoria:Biologia

Voto:

2 (2)
Download:330
Data:23.01.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
acidi-basi_8.zip (Dimensione: 4.96 Kb)
trucheck.it_acidi-e-basi.doc     26 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Gli acidi e le basi sono sostanze con cui abbiamo quotidianamente a che fare. Infatti classifichiamo come acidi le sostanze che hanno in comune un sapore aspro, pungente; sono tali l'acido citrico contenuto nel succo di limone o l'acido citrico contenuto nell'aceto. Altre proprietà che caratterizzano gli acidi sono la capacità di sviluppare bollicine di gas a contatto di certi metalli, di creare effervescenza venendo a contatto con calcare o marmo.
Le basi, invece, hanno in comune un sapore amaro particolare e sono scivolose al tatto. In particolare quando sono in soluzioni concentrate, devono essere maneggiati con cautela perché pericolosi per la pelle e per gli occhi.
LA TEORIA DI ARRHENIUS
La prima definizione di acidi e di basi fu proposta nel 1884 da Svante Arrhenius (1859-1927):
gli acidi, secondo la teoria di Arrhenius, sono sostanze che in soluzione acquosa si ionizzano per dare ioni H+ (ioni idrogeno) e anioni.

Le soluzioni acquose degli acidi conducono la corrente elettrica.
Le basi, secondo la teoria di Arrhenius, sono sostanze che in soluzione acquosa si ionizzano per dare iof)i OH- (ioni idrossido) e cationi.

Le soluzioni acquose delle basi conducono la corrente elettrica.
Limiti della teoria di Arrhenius
La teoria di Arrhenius spiega con molta semplicità il comportamento degli acidi e delle basi ma ha alcuni limiti. Non si preoccupa di analizzare gli aspetti delle sostanze che non contengono ioni idrogeno o ioni ossidrili, del resto molto comuni, e non spiega il comportamento delle molecole in presenza di un solvente diverso dall'acqua.
LA TEORIA DI BRONSTED E LOWRY
Nel 1923, il chimico danese j. N. Bronsted (1879-1947) ed il chimico inglese T. M. Lowry (1874-1936), formularono indipendentemente l'uno dall'altro una nuova teoria degli acidi e delle basi che si fonda sulla capacità che hanno le molecole e gli ioni di cedere o acquistare protoni (ioni H+).
La teoria di Bronsted e Lowry definisce:
acido una sostanza capace di donare ioni H +;
base una sostanza capace di accettare ioni H +.
Le reazioni acido-base secondo Bronsted e Lowry sono reazioni di trasferimento di protoni. La teoria di Bronsted e Lowry è valida per qualsiasi solvente.
LA TEORIA DI LEWIS
Nella teoria di Bronsted e Lowry il concetto di acido e di base è associato al protone che viene trasferito da una specie chimica all'altra. Nel 1923 il chimico americano Gilbert Lewis (1875-1946) con una nuova teoria definì:

base una molecola o uno ione negativo che possono dare una coppia di elettroni ad un altro atomo per formare un nuovo legame.

acido una molecola o uno ione positivo che possono accettare una coppia di elettroni da Un altro atomo per formare un nuovo legame.

Una reazione acido-base, secondo la teoria di Lewis, è così rappresentata:

A + :B = A: B
Acido base
nuovo
legame
Un esempio di reazione acido-base, secondo la teoria di Lewis, è la formazione dello ione idronio.
Anche la reazione tra il trifluoruro di baro e l'ammoniaca è un esempio di reazione acido-base secondo il modello di Lewis.
In questa reazione non vi è lo ione idrossido (secondo la definizione di Arrhenius) né un protone che viene trasferito (secondo la definizione di Bronsted e Lowry).

Esempio



  



Come usare