Plutone

Materie:Appunti
Categoria:Astronomia

Voto:

2 (2)
Download:72
Data:21.07.2000
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
plutone_1.zip (Dimensione: 3.11 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_plutone.doc     22.5 Kb



Testo

Plutone
Scoperto il 18 febbraio 1930 dall’americano Tombaugh in base alle perturbazioni che produce sull’orbita di Nettuno è il più piccolo pianeta del S.S. Non è mai stato visitato da una sonda.
La sua orbita è un’ellisse molto più schiacciata e presenta un’inclinazione di 17,2° rispetto il piano dell’orbita terrestre. La sua orbita di 247,7 anni interseca quella di Nettuno per una ventina di anni (1979-1999) facendolo diventare il più esterno del S.S.
Notevoli sono stati i problemi per la stima della massa che sembrava variasse fra i 0,18 e gli 6,6masse terrestri e la densità arrivava a 11,3 come quella del piombo. La soluzione si è avuta nel 1978 quando si è dimostrato che P. ha un grande satellite: Caronte che ruota alla distanza di 19400 km rimanendo sempre sulla verticale dello stesso punto della superficie planetaria dato che il suo periodo di rivoluzione è uguale a quello di rotazione di P(6g e 9h); tento che se si tirasse un filo tra i due pianeti resterebbe sempre teso.
La sua massa dovrebbe essere pari a 0.002 masse terrestri (20% lunare)e la densità circa 2 g/cm3. Il che fa pensare che il pianeta sia un blocco di ghiaccio ricoperto da una crosta di CO2 e metano ghiacciati.
Fotografato dall’Hubble Space Telescope si sono potute avere maggiori informazioni sul pianeta. Diametro di 2350 km, mentre C. è 1186.
Insieme P. e C. formano un doppio sistema di pianeti ruotando l’uno attorno all’altro.
Altra prova che la superficie è di metano solido è la temperatura di -223 °C(zero assoluto -273 °C), il quale quando è più vicino al sole evapora dando origine ad una tenue atmosfera.
La luminosità varia ad indicare che la superficie ghiacciata non è uniforme.
Forse P. era un satellite di Nettuno, ma il periodo orbitale è 3/2 quello di N. e la sincronizzazione delle orbite fa si che quando P. è in perielio N. è molto lontano. Inoltre l’inclinazione tiene lontano i due pianeti nei periodi critici.
Ipotesi alternativa è che si sia formato su un’orbita eliocentrica indipendente e sia l’oggetto maggiore e più vicino di una serie asteroidi e comete orbitanti all’esterno.
Tra i componenti anche azoto e monossido di carbonio ghiacciati. Su C. non c’è il metano, ma per lo più ghiaccio.

Esempio



  



Come usare