scheda la vergine delle rocce

Materie:Altro
Categoria:Arte

Voto:

1.5 (2)
Download:340
Data:19.06.2006
Numero di pagine:3
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
scheda-vergine-rocce_1.zip (Dimensione: 5.44 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_scheda-la-vergine-delle-rocce.doc     28.5 Kb



Testo

La Vergine delle Rocce
La tavola fu dipinta da Leonardo per i frati del convento della Concezione.
La “piramide magica” delle figure è inserita in un ambiente naturale, pieno di mistero. Nelle rocce, da cui i personaggi, legati da armoniosi rapporti affettivi e formali, sembrano emergere, palesa –oltre un richiamo al Mantenga- l’interesse del maestro per .
Nell’erba in primo piano gioca il ricordo, rielaborato poi a diretto contatto con la natura, delle bellissime nature morte di Hugo van der Goes.
Le figure e il paesaggio roccioso si fondono in un trapassare leggero di ombre e di luci, sfumando senza contrasti in un’atmosfera di grande suggestione.
Le figure sono alla soglia di una grotta che riceve luce dall’alto e dalle aperture del fondo; sono disposte in croce, all’incontro di quattro direttrici di spazio: Gesù si inclina, in primo piano, verso lo spazio esterno; il Battista e l’Angelo suggeriscono l’espansione laterale dello spazio; la Madonna sovrasta il gruppo e sembra accennare a una cupola da cui scenda la luce.
L’angelo, probabilmente lo stesso che aveva portato l’annuncio a Maria, indica col dito il Battista. La sua missione mistica, infatti, è finita (Cristo è nato) e tocca all’uomo diffondere gli annunci tra gli uomini.
Le immagini non hanno movimenti ben precisi; sono immagini di spinte spirituali profonde ed ecco perché sono ancora nella spelonca sotterranea benché sulla soglia.
In quest’opera Leonardo si pone il problema del contrasto tra massimi (tra cui la grotta, vasta cavità in cui si concentra una densa atmosfera) e minimi (erbe e fiori descritti con la massima cura fin nei minimi particolari) al quale da una soluzione di impronta psicologica: la mente umana è, secondo l’artista, in grado di passare da una scala all’altra senza bisogno di ricorrere ad una media proporzionale.
L’opera è carica di significati ermetici, che l’autore vuole intenzionalmente conservare nascosti in modo tale che siano visibili solo le forme: come i fenomeni naturali che si vedono ma non hanno cause che si conoscano a priori.
La caverna affascina Leonardo sia dal punto di vista geologica e scientifico, sia dal punto di vista di “interiora” della Terre, natura sotterranea o subnatura.
I ghiacciai alludono ad un remoto passato del mondo che finisce con la nascita di Cristo, quando natura e storia si schiudono e il mistero imperscrutabile del reale diventa un segreto che l’uomo può svelare.

LA VERGINE DELLE ROCCE
Legno trasposto su tela, centinato nella parte superiore, realizzato nel 1483.
Francia, Parigi,
Musée du Louvre.
Nel 1483 Leonardo, che ormai vive a Milano, si impegna a dipingere la parte centrale di un trittico destinato ad una pala d'altare per la confraternita della Concezione. L'opera deve essere consegnata l'8 dicembre 1483 per la festa dell'Immacolata Concezione. Un minuzioso documento indica quali sono i personaggi e quale la cornice da dipingere: Dio nella parte superiore, la Vergine e il Bambin Gesù al centro, montagne e rocce in basso. Ma nessuna clausola del contratto viene rispettata da Leonardo: né la scadenza, né il soggetto. Il quadro suscita grande impressione, ma i monaci, considerandolo incompiuto e non rispondente ai requisiti richiesti, si rifiutano di pagare l'artista. La questione sfocia in un processo che dura un quarto di secolo prima di chiudersi con la vittoria del pittore.
I quattro personaggi del dipinto, la cui presenza sembra allontanare l'oscurità, restano tuttavia ambigui nei loro gesti. Sono rappresentate tre mani unite sopra la testa di Cristo, mentre le due dita di Gesù benedicono il piccolo San Giovanni, e il dito teso dell'angelo lo indica. La mano sinistra della Vergine sembra proteggere e allo stesso tempo minacciare il Bambin Gesù; la mano destra della Vergine intorno a San Giovanni, inoltre, appare contratta. Secondo la Bibbia, Gesù e San Giovanni si incontrarono in un deserto fiorito ed è probabile che Leonardo abbia tratto spunto da questo particolare per il dipinto. Si noti ancora la simbologia legata a fiori e piante: l'iris allude alla pace, l'edera alla fedeltà, l'anemone rosso invece alla tristezza e alla morte.
Accentuate ombreggiature sotto gli occhi, intorno al naso, alla bocca e sulle guance della Vergine, creano un vigoroso senso di tridimensionalità.

Esempio



  



Come usare