sicilia

Materie:Altro
Categoria:Architettura

Voto:

1.5 (2)
Download:152
Data:05.01.2007
Numero di pagine:2
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
sicilia_3.zip (Dimensione: 216.22 Kb)
trucheck.it_sicilia.doc     238.5 Kb
readme.txt     59 Bytes



Testo

Con il nome di AKRAGAS la città fu fondata nel 581 A.C. dai coloni Rodii e Cretesi di Gela, ed in poco tempo diventò uno dei centri più importanti della Magna Grecia, secondo in Sicilia solo a Siracusa. Gli edifici della Valle dei Templi vennero costruiti in massima parte nel V secolo A.C., tutti in stile dorico usando come materiale la calda pietra calcarea locale: vederli oggi confondersi da lontano con il suolo sul quale sorgono, elementi del tutto natrali del paesaggio circostante, ne rende incredibile l'originaria coloritura, comune a tutti i templi greci. Il santuario giunto fino ai nostri giorni in condizioni migliori, grazie alla riutilizzazione come chiesa cristiana nel sesto secolo D.C., è il Tempio della Concordia. Il Tempio di Giunone Lacinia, periptero esastilo come il precedente, con 25 colonne superstiti, era il luogo destinato alla celebrazione dei matrimoni; pochi sono i resti di altri edifici, come itempli dedicati a Giove Olimpico, uno dei più grandi dell'architettura greca, e Vulcano. E' il caso anche del tempio dei Dioscuri, le cui 4 colonne architravate rimaste in piedi sono però divenute il simbolo della città. I reperti rinvenuti ad Akragas e nel territorio circostante sono conservati nel Museo Archeologico, istituito nel 1967 in un'area in cui gli scavi hanno riportato alla luce altre tracce dell'antichità, come l'ekklesiasterion, struttura simile ad un teatro usata per le adunanze popolari, ed il quartiere ellenistico-romano. Il centro storico della città odierna si estende a nord della Valle dei Templi: alla fine del VII secolo D.C. la popolazione abbandonò la vallata per insediarsi sull'altura dell'acropoli. L'aspetto del centro storico, percorso da un labirinto di vicolo che si aprono in suggestivi vicoli e piazzette, si deve al periodo della dominazione araba, che ha lasciato in eredità anche numerosi toponimi. Sull'arteria principale, via Atenea, sono allineati chiese e palazzi stilisticamente eterogenei. A nord sorge la Cattedrale, la cui edificazione ebbe inizio alla fine dell' XI secolo: intitolata al Santo Vescovo Gerlando, fu nei secoli successivi più volte ampliata e rimaneggiata, come rivela la sovrapposizione di elementi barocchi a stilemi gotico-chiaramontani e normanni. Da vedere anche la chiesa di San Nicola, nei pressi del museo archeologico, Santa Maria dei Greci, costruita sui resti di un antico tempio dorico, ed il monastero di Santo Spirito, nella parte orientale della città, sede oggi dei musei civici.

Esempio



  



Come usare