L'apparato digerente: appunti di anatomia

Materie:Appunti
Categoria:Anatomia

Voto:

1.5 (2)
Download:1184
Data:20.06.2005
Numero di pagine:4
Formato di file:.doc (Microsoft Word)
Download   Anteprima
apparato-digerente-appunti-anatomia_1.zip (Dimensione: 572 Kb)
readme.txt     59 Bytes
trucheck.it_l-apparato-digerente:-appunti-di-anatomia.doc     645 Kb



Testo

L’apparato digerente
L’apparato digerente ha la funzione di trasformare le sostanze ingerite,in molecole che possono essere poi distribuite e utilizzate dalle singole cellule del corpo.
Nei vertebrati l’apparato digerente consiste in un lungo tubo di circa 11 metri costituito da:

• bocca,
• faringe
• esofago
• stomaco
• intestino tenue, suddiviso in:
- duodeno
- digiuno
- ileo
• intestino crasso, suddiviso in: - cieco
- colon
- retto
• ano
I

Il cibo passa lungo questo tubo mediante il movimento di peristalsi, consistente in ondulazioni successive di contrazione muscolare.
Annesse all’apparato digerente vi sono le ghiandole salivari, il fegato, la cistifellea ed il pancreas, organi accessori atti alla produzione di enzimi ed altre sostanze essenziali per la digestione.

La bocca, la faringe e l’esofago
Nella bocca di trovano i denti, la lingua e tre paia di ghiandole salivari.
L’ uomo presenta due dentizioni :
una temporanea ( denti da latte ) ed una permanente.
Nella seconda dentizione si hanno 32 denti ( 8 incisivi, 4 canini , 8 premolari e 12 molari ).
I denti sono impiantati nell’ osso mascellare superiore e mandibolare inferiore,ogni dente è formato dalla corona, che è la parte visibile, il colletto, ossia la zona interposta fra colonna e radice, e la radice che è la parte infissa nell’ alveolo.
Nella radice del dente si trova la polpa dentaria, ricca di vasi sanguigni e terminazioni nervose, superiormente. vi è 1a dentina o avorio consistente in una varietà di tessuto osseo, il tutto è ricoperto da smalto.
Sezione longitudinale di un incisivo (sinistra)
e di un molare (destra)
Nella bocca si svolge ad opera dei denti la prima parte della digestione meccanica e ad opera dell’amilasi, un enzima prodotto dalle ghiandole salivari, la prima digestione degli amidi che vengono trasformati in zuccheri.
Con l’aiuto della lingua il cibo viene trasformato in bolo e attraverso la faringe, un canale comune all’apparato digerente e respiratorio, entra nell’esofago formato superiormente da muscolo striato e inferiormente da muscolo liscio.
Una volta attraversato l’esofago, il bolo entra nello stomaco attraverso una valvola detta cardias.

Lo stomaco
Lo stomaco è una larga dilatazione a forma di sacco. È costituito da tre tuniche sovrapposte, che dall’esterno verso l’interno sono:
- La sierosa
- La muscolare
- La mucosa
Quest’ultima è tappezzata da numerose ghiandole che secernono succo gastrico fortemente acido per la presenza di HCl ( acido cloridico), nonché da uno spesso strato di muco che impedisce alle cellule stesse di essere distrutte dall’ acido.
Il bolo proveniente dalla bocca viene quindi trasformato in chimo ed attraverso il piloro entra nell’intestino tenue.

Intestino tenue e crasso
Nell’intestino tenue si compie la completa scissione del cibo iniziata già nella bocca . Numerosi enzimi prodotti dall’intestino stesso e dal pancreas, nonché la bile prodotta dal fegato e raccolta dalla cistifellea ed avente la funzione di emulsionare i grassi , partecipano ai processi digestivi.
Le sostanze utili all’ organismo iniziano quindi ad essere assorbite ad opera dei villi intestinali dell’Intestino tenue,l’ assorbimento dei sali e dell’ acqua residua avviene invece a livello dell’ intestino crasso.
Le sostanze di rifiuto vengono poi espulse come feci.
L’ intestino crasso ospita una numerosa popolazione di batteri utili all’ organismo, tra cui l’Escherichia Coli, che scinde le sostanze alimentari non digerite e produce amminoacidi e vitamine. Sono infatti questi batteri la principale fonte di vitamina K.

Controllo ormale e nervoso della digestione
La digestione è controllata da una serie di ormoni che determinano la produzione o meno di enzimi, acidi e tutte le altre sostanze implicate in tale processo.
Lo stomaco produce gastrina che stimola la produzione di succo gastrico da parte delle cellule epiteliali ed agisce sulle cellule muscolari favorendone le contrazioni; l’intestino tenue produce secretina che stimola la secrezione di bile e di succhi pancreatici e colecistochinina che favorisce la liberazione di enzimi pancreatici e lo svuotamento della cistifellea.
Il controllo nervoso avviene ad opera del sistema nervoso autonomo: il parasimpatico aumenta la peristalsi, il simpatico la diminuisce.
SCHEMA RIASSUNTIVO DELLA DIGESTIONE
LUOGO GHIANDOLE SECREZIONE ENZIMI ATTIVITA’ DIGESTIVA
bocca salivari saliva ptialina trasformazione dell’amido in maltosio
mucose muco lubrificante
esofago mucose muco lubrificante
stomaco gastriche succo gastrico pepsina trasformazione delle proteine in peptoni
acido cloridrico attiva la pepsina; discIoglie i sali mi-nerali
uccide i batteri
mucose muco lubrificante
intestino tenue fegato bile emulsiona i grassi, attiva la lipasi
pancreas succo pancreatico tripsina trasformazione delle proteine e dei
peptoni in peptici
amilasi trasforma l’amido in maltosio
lipasi scinde i grassi in glicerina e acidi grassi

ghiandole intestinali succo intestinale erepsina trasforma i peptidi in aminoacidi
maltasi scinde il maltosio in glucosio
lattasi scinde il lattosio in glucosio e galattosio
saccarasi scinde il saccarosio in destrosio e fruttosio

mucose muco lubrificante
intestino crasso mucose muco lubrificante

Esempio



  



Come usare